Il Bastone di Asclepio

Conversazioni su medicina e tecnologia

Il Bastone di Asclepio - Conversazioni su medicina e tecnologia

Lo eHealth Action Plan ottiene il sostegno del Parlamento Europeo…

... e Neelie Kroes torna a sottolineare la necessità della banda larga per il futuro dell’eHealth in Europa. Era il 7 dicembre del 2012 quando la Commissione Europea presentò un piano d’azione contro gli ostacoli che impedivano (e, a dirla tutta, ancora “impediscono”) il pieno utilizzo delle soluzioni digitali all’interno dei sistemi sanitari europei. Ieri è stata data notizia dell'approvazione di una risoluzione a sostegno dello “eHealth Action Plan” da parte del Parlamento Read more [...]

I ricavi della telemedicina cresciuti del 237% in cinque anni

Il dato viene fornito da Kalorama Information, società di ricerche specializzata nel settore healthcare. Per essere precisi, Kalorama afferma che il mercato del monitoraggio dei pazienti tramite sistemi di telemedicina è passato dai 4.2 miliardi di dollari del 2007 agli oltre 10 miliardi di dollari del 2012. Per quanto “modesto”, si tratta di un mercato con tassi di crescita elevatissimi e un bel mucchio di aziende concorrenti. Senza trascurare che continua a crescere anche la consapevolezza Read more [...]

Dallo “scivolone” dell’Italia alla banda larga “autogestita” dello Iowa Health System. Quando si dice “l’importanza della banda larga”

I dati OCSE sulle linee a banda larga, aggiornati al giugno dello scorso anno, non sono incoraggianti per l’Italia che scivola al 26° posto attestando ancora una volta, se mai ce ne fosse stato bisogno, quanto indietro siamo in termini di diffusione della banda larga rispetto a molte altre economie mondiali. L’Italia paga soprattutto l’assenza di tecnologie alternative alla DSL, cavo e fibra in primo luogo. Per completezza d’informazione, è anche vero che risultiamo al settimo posto Read more [...]

Il cuore del Midlothian

Un mosaico a forma di cuore inscritto nel marciapiede del Royal Mile a Edimburgo nei pressi della Parliament House; il titolo del settimo romanzo storico scritto da Sir Walter Scott; persino una squadra di calcio. Tutto questo è il cuore del Midlothian e magari anche - in misura minore in termini d’importanza storica ma non di impatto sociale - il titolo che potrebbe essere dato al vasto ed articolato progetto di telemedicina sviluppato dal servizio sanitario del Midlothian, che è poi Read more [...]

Quel che Microsoft – ma non solo – vorrebbe…

Si è conclusa a Bruxelles la tre giorni del secondo (se non andiamo errati) appuntamento voluto da Microsoft e dai suoi partner sui temi della telemedicina. Il titolo quest’anno recitava “Innovating for Better Health: Doing New with Less”. Agenda fittissima, relatori di sicuro interesse, partecipanti coinvolti hanno dibattuto i temi dell’incontro con l’obiettivo di favorire l’innovazione e la crescita economica anche attraverso una sanità sostenibile. Per l’occasione Microsoft Read more [...]

Ci vediamo a Boston. A proposito dei bilaterali USA/UE sulla sanità digitale

Barack Obama ha da poco vinto (o quasi) la sua battaglia sulla riforma del sistema sanitario statunitense e, a detta della Farnesina, gli USA guardano adesso all’Europa, e all’Italia in particolare, sottolineando “l’esigenza di una ricerca sul piano economico e sociale sui costi/benefici dell’impiego su larga scala di soluzioni tecnologiche già oggi mature in questo campo”. A essere franchi non è chiarissimo in quale “campo” siano maturate queste soluzioni tecnologiche, ma per Read more [...]

La Telemedicina tra sensazionalismo e concretezza

“Il successo genera altri successi”, Noeli Kroes Qualche settimana fa c’è stato un gran parlare in rete - e non solo - di telemedicina. I titoli erano di quelli ad effetto, che si direbbe ormai non facciano più effetto a nessuno dal momento che nessuno sembra prenderli sul serio. Il più gettonato è stato: “La telemedicina riduce la mortalità del 45%” In altre parole: la telemedicina salva la vita. Non saremo di certo noi a dissentire dall’affermazione. Ciò su cui vorremmo, Read more [...]

L’importanza degli standard aperti nelle soluzioni di telemedicina

Un paio di anni fa ho fatto parte di un gruppo d’interesse creato all’interno del quindicesimo meeting internazionale della American Telemedicine Association. Complessivamente l’ATA conta undici gruppi di interesse, tutti focalizzati sull’utilizzo di soluzioni collaborative specifiche per la pratica della telemedicina nell’erogazione di servizi sanitari. Nel complesso il meeting è stato informativo e molto piacevole grazie anche all’atmosfera rilassata, e professionale al tempo stesso, Read more [...]